Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Kurdistan’

Chiara Cruciati, Il Manifesto, 11 maggio 2015

Human Rights Watch pubblica il video delle violenze turche sui rifugiati: ad aprile almeno 5 morti. Altre 48 ore di tregua ad Aleppo, mentre Usa e Russia annunciano un nuovo tavolo internazionale per il 17 maggio.

Faisal chiede aiuto per girare il corpo martoriato dai pestaggi di un rifugiato senza vita: «Questa persona è morta mentre attraversava il confine verso la Turchia. Sai com’è morta? Non per una pallottola, ma per le botte». Lui, siriano, si trova da mesi al confine per aiutare chi scappa dalla guerra. Il video pubblicato lunedì da Human Rights Watch è terrificante: si vedono le guardie di frontiera turche picchiare siriani in fuga, si vedono cadaveri, si sentono le voci di chi è sopravvissuto e ora racconta gli abusi subiti prima per strada e poi nelle caserme.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

di Dilar Dirik, attivista curda e dottoranda all’università di Cambridge.
FonteAl di là del buco, 28 novembre 2015

La sua ricerca è incentrata sul Kurdistan e il movimento delle donne curde

(Titolo come apparso nel blog dell’autrice: The Women’s Revolution in Rojava: Defeating Fascism by Constructing an Alternative Society, dal capitolo “A Small Key Can Open A Large Door: The Rojava Revolution” in Strangers in a Tangled Wilderness, Marzo 2015, Combustion Books. Traduzione di Eugenia)

(altro…)

Read Full Post »

Sherko Bekas nel 2007

Nato il 2 maggio 1940 a Sulaimaniya nel Kurdistan iracheno e figlio del poeta Fayak Bekas, Sherko Bekas (Şêrko Bêkes in lingua originale), nel 1961 venne colpito da mandato di cattura per la sua attività letteraria. Aderì al Movimento di liberazione della sua terra nel 1965 e fu collaboratore della “Voce del Kurdistan”, la stazione radio dell’organizzazione, fino a che non dovette  lasciare la sua terra d’origine nel 1986 per ragioni politiche trasferendosi, esule, in Svezia, dove visse dal 1987 al 1992, quando rientrò nel Kurdistan iracheno liberato, dove assunse la carica di ministro della Cultura. Morì di cancro il 4 agosto 2013 a Stoccolma.

Figlio d’arte, iniziò la sua carriera di poeta giovanissimo. La sua prima pubblicazione, infatti, risale a quando era appena diciassettenne. Nel 1970, con altri autori pubblicò il manifesto Osservatorio per il rinnovamento del linguaggio letterario e nel 1971 introdusse l’elemento “Rüwamge” (visione) nella poesia curda, rompendo con le rigide regole tradizionali del genere quali la rima.

(altro…)

Read Full Post »

Giuliana Sgrena, Il Manifesto, 26 giugno 2015

Chi riu­scirà a scon­fig­gere i ter­ro­ri­sti dell’Isis? Solo chi ha un pro­getto di società alter­na­tivo a quello fon­da­men­ta­li­sta del calif­fato e dei suoi soste­ni­tori, a oriente e a occidente.

(altro…)

Read Full Post »