Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Slovenia’

Alessandro Dal Lago, Il Manifesto, 13 novembre 2015

Al vertice di La Valletta tra i leader europei e africani ha vinto il cinismo globale. Noi vi diamo un miliardo e ottocento milioni di euro e voi ci tenete i migranti lontani dalle coste e dai confini della Ue. Non bastano, hanno rilanciato subito i leader africani, i quali si divideranno però la mancia, anche se nessuno sa di preciso come e quando. Qualche tempo fa, Angela Merkel, che pure aveva suscitato grande scalpore e simpatia dichiarando di aprire le porte della Germania ai profughi siriani, aveva fatto una proposta simile al governo turco, il quale ha risposto più o meno picche. Qual è il senso di questo mercanteggiamento sulla pelle di centinaia di migliaia di esseri umani?

(altro…)

Read Full Post »

Da un po’ di tempo sto cercando di approcciare il pensiero di Slavoj Žižek. Da mesi sul mio comodino riposa una copia de La visione di parallasse, che mi dicono essere opera assai importante, oltreché recente, del filosofo sloveno.

Non riesco a leggerlo e sicuramente è colpa mia. In parte perché è da un bel po’ di tempo che non leggo libri di filosofia, ma forse soprattutto perché da qualche parte ho sentito dire che va letto con un approccio particolare, che io non sono ancora riuscito a centrare, evidentemente.

Poco male, prima o poi ce la farò. Nel frattempo proseguo la mia ricerca. Non vorrei mai, infatti, trovarmi a un convegno su argomenti politici o culturali e non riuscire a citare Žižek o, peggio ancora, citarlo erroneamente!

(altro…)

Read Full Post »

Campo di internamento

Uno dei miti più duri a morire è quello degli “Italiani brava gente”. Con questa formula abbiamo sempre cercato di autoassolverci, di cancellare le nostre tante colpe nella Seconda guerra mondiale e durante il nostro colonialismo.

Un clima di revisionismo e negazionismo che tende a occultare le colpe del fascimo, di Mussolini e della monarchia, quasi come fossimo stati costretti ad allearci con i tedeschi e fossimo andati in Africa con l’intenzione di civilizzarla. E invece vennero usati – anche da parte nostra – gas, deportazioni, campi di concentramento. Uno dei frutti di questa visione del mondo e della storia lo vedremo oggi, nel giorno della memoria per le vittime delle foibe. Fiumi di retorica e di inchiostro si spenderanno per commemorare le vittime, mentre un “pietoso velo” (per noi, non certo per i deportati e uccisi) verrà steso per dimenticare le tante nefandezze compiute dalle forze armate italiane di occupazione in Jugoslavia.

(altro…)

Read Full Post »